Tabucchi tour

Il 26 marzo io e i miei compagni del laboratorio su Tabucchi ci siamo diretti nel centro di Vecchiano per vedere alcuni luoghi che ci hanno aiutato a ricostruire una parte della vita del nostro celebre scrittore.

La nostra prima tappa è stata piazza Garibaldi perché, si sa, intorno a una piazza gira la vita di un paese e di una comunità e Tabucchi lo aveva ben compreso quando pubblicò il suo primo libro Piazza d’Italia, dove si descrive un Borgo in cui si riconosce Vecchiano. Qui abbiamo visto la casa d’infanzia di Antonio Tabucchi, seconda tappa, che sorge proprio ad un angolo della piazza. La facciata presenta un terrazzino su cui il giovane Tabucchi era solito affacciarsi ma quando, ormai adulto, cominciò a girare il mondo, dallo stesso terrazzino si sporgeva spesso la madre, seduta in un angolo a osservare quel che accadeva nella piazza, accennando talvolta un saluto.

La terza tappa è stata il teatro Olimpia, molto frequentato da Tabucchi così come dalla gioventù del tempo. La quarta tappa è stato il Comune al cui interno siamo stati a vedere Il Calendario, composto da 12 poesie in prosa del nostro scrittore, accompagnate da 12 acquerelli di Davide Bennati. L’opera sarà trasferita probabilmente nel nuovo Polo culturale, insieme al quadro del Primo Premio Poesia Vecchiano, che si tenne presso il Teatro Olimpia, per celebrare la figura di Tabucchi. L’ultima tappa è stata la Biblioteca dedicata proprio ad Antonio Tabucchi a cui lo scrittore ha donato tantissimi libri.

Giulia Vetere

Lascia un commento

Chiudi il menu